Introduzione alle Erbe Officinali
Copertina-erbe.jpg

Per migliaia di anni la cura con le erbe e con le piante è stata uno dei componenti fondamentali dei grandi sistemi medici tradizionali: in ogni popolazione del mondo antico, in ogni luogo della terra, l’uomo che conosce le erbe è una figura di particolare rilevanza, sia a livello sociale che, spesso, a livello spirituale. Poi, nel XIX secolo, nuove discipline, nuovi strumenti scientifici e, soprattutto, una nuova concezione del mondo relegarono questo sterminato insieme di conoscenze e di rimedi naturali benefici nelle campagne e nel mondo pastorale, bollando inoltre di ignoranza e superstizione coloro che mantenevano in vita questi sistemi curativi. Ma quello che sembrava dovesse diventare un dominio assoluto e incontrastato era invece destinato ad andare in crisi, a partire dagli anni ’80 dello scorso secolo, di fronte a una richiesta sempre crescente di terapie meno intrusive e più strettamente legate alla natura e in conseguenza di una crescente diffidenza nei confronti della medicina convenzionale dovuta anche al preoccupante aumento, nel mondo industrializzato, delle patologie legate a un uso eccessivo di farmaci. Improvvisamente il mondo occidentale si accorse che guaritori, stregoni, sciamani, medicine-men non erano solamente dei buoni attori sempre in cerca di un palcoscenico, ma erano anche i detentori di un sapere antico che, lungi dall’essere inerte, doveva essere riscoperto e integrato con i moderni metodi di cura e di intervento terapeutico: la strada della salute passava di nuovo attraverso il bosco.


Per informazioni sulla disponibilità del testo contattaci: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo